NATURHOUSE: Da cliente ad imprenditrice

NATURHOUSE: Da cliente ad imprenditrice

Intervista a Cinzia Vaccaro, proprietaria di due centri Naturhouse.

Ha sempre desiderato diventare consulente nutrizionista. Infatti, dopo la laurea in biologia, ha frequentato un master a Roma in nutrizione e dietetica. Dopo aver conosciuto Naturhouse, nel 2006, Cinzia Vaccaro ha pensato che facesse proprio al suo caso, Ha aperto infatti il suo primo centro a Alcamo e poi anche a Trapani.

Quando è entrata in contatto con il brand Naturhouse? 

“Sono entrata in contatto con il brand nel 2006 a Catania, in quanto sia io che mio marito abbiamo seguito il percorso di educazione alimentare come clienti, per poi aprire il nostro primo centro nel 2007. Ancora oggi ci consideriamo clienti fidelizzati”.

Dove ha aperto il centro?

“Abbiamo aperto il primo centro nell’ottobre del 2007 ad Alcamo, e dopo solo un anno ne abbiamo aperto un’altro a Trapani, con la preziosa collaborazione decennale delle Dott.sse Cristina e Rossana”.

Quali sono state le principali motivazioni che l’hanno spinta a scegliere Naturhouse?

“Sicuramente penso sia l’approccio e l’importanza che viene data all’educazione alimentare, che ho potuto provare in quanto anch’io ho seguito il percorso per raggiungere il mio PesoBenessere. Un ulteriore pregio sono gli integratori, tutti di origine naturale e certificati dal Ministero della Salute. Prima seguivo delle diete sempre molto rigide e restrittive. Quello che ho apprezzato maggiormente di Naturhouse è il metodo accessibile a tutti. I piani alimentari sono di semplice attuazione, ampi nella scelta degli alimenti e di conseguenza compatibili con i gusti dei clienti. Ma specialmente il fatto di poter restare sempre in contatto con la gente e avere un rapporto diretto e amichevole con i clienti mi ha spinta ad intraprendere il mio precorso lavorativo con l’azienda”.

In che modo la casa madre l’ha sostenuta?

“Sempre a 360°: aggiornamenti formativi costanti, innovazione ed introduzione di nuovi prodotti alimentari ed integratori, supporto di marketing sia attraverso campagne nazionali
pagate dalla casa madre che a livello di formazione su come utilizzare i nuovi media per pubblicizzare localmente i miei punti vendita. Ma sono state senza dubbio delle guide
fondamentali gli Area Manager e le Responsabili Tecniche Commerciali della zona, i quali ci appoggiano e sostengono sempre”.

E’ necessario seguire dei corsi di formazione? Se si su quali aspetti…

“Sì la formazione è stata ed è fondamentale, in particolare nella fase di apertura del cento. È comunque prevista una formazione costante e continuativa che riguarda sia il metodo
che i nuovi prodotti introdotti sul mercato negli anni”.

Quali sono in termini economici i numeri per chi come lei vorrebbe aprire un centro Naturhouse?

“L’investimento iniziale minimo parte da meno di 10.000 € e consente di crearsi ad esempio un autoimpiego estremamente redditizio. Si può scegliere tra due diverse tipologie di centri Naturhouse: Centro Naturhouse Village, dove lavora solo ed unicamente la nutrizionista (superficie minima inferiore ai 30 mq concepito per gli insediamenti urbani con meno di 35mila abitanti) o Centro Naturhouse Standard, dove alla nutrizionista si affianca un’addetta vendite con compiti commerciali (superficie minima di almeno 30 mq, ideale per gli insediamenti urbani con più di 35mila abitanti).

Che consiglio darebbe ad un nuovo affiliato

“Lavorare con lealtà e trasparenza, essere sempre disponibili con chi si ha davanti. Avere un approccio amichevole e saper consigliare i giusti prodotti per rendere il percorso più
veloce, ma soprattutto piacevole. Motivare di settimana in settimana il cliente, incrementanto la determinazione e la costanza. Il percorso che porta a perdere peso non è
sempre lineare. Gli insuccessi demotivano, ma la forza di squadra riporta il sorriso”.

I suoi progetti futuri…

“Continuare ad essere presente con Naturhouse come affiliato poichè in questi anni ho avuto molte soddisfazioni, sia personali che in termini economici. Come imprenditrice ci
sarebbe certamente la volontà di aprire un nuovo punto vendita, ma al momento preferisco dedicare del tempo alla mia famiglia, anche se non escludo la possibilità di aprire un
nuovo centro in futuro”.