Engel & Völkers apre a Bardolino, sul Lago di Garda. L’80% della clientela è straniera

Engel & Völkers apre a Bardolino, sul Lago di Garda. L’80% della clientela è straniera

Engel & Völkers, Gruppo leader nel settore dell’immobiliare di pregio presente in oltre 30 Paesi e quattro continenti, inaugura oggi un nuovo shop a Bardolino, sul Lago di Garda. La nuova sede del Gruppo si trova in Via Dante Alighieri 26, nel pieno centro della città. L’area è considerata particolarmente strategica dall’azienda, alla luce del forte interesse da parte della clientela straniera, in prevalenza tedesca, svizzera, austriaca e olandese. In particolare, gli immobili richiesti nell’area di Bardolino si posizionano in una scala di valore che oscilla tra un milione e 2 milioni e mezzo di euro. Le tipologie più ricercate sono ville storiche con piscine e parchi con vista lago, cosi come case moderne con ampie vetrate e rustici ristrutturati con gusto. In questi contesti, i valori possono andare dai 4mila ai 5.500 euro al mq. “Siamo molto soddisfatti dell’apertura del nostro nuovo punto vendita perché il Lago di Garda ha registrato un forte incremento della domanda di immobili di pregio, specialmente da parte della clientela internazionale. Per quanto concerne i trend di mercato, le tipologie di acquisto più richieste, oltre alle ville storiche, riguardano appartamenti e ville di recente costruzione e dal design moderno, con un buon livello di domotica e un’alta prestazione energetica”, hanno dichiarato Barbara Quaresmini e Stefano Bani, Licence Partners di Engel & Völkers Bardolino-Peschiera. Per Engel & Völkers il nuovo shop è un ulteriore sviluppo dell’azienda in quest’area. Engel & Völkers ha registrato, nel primo semestre del 2018, un fatturato pari a 328,2 milioni di euro con un aumento del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (primo semestre 2017: 300,6 milioni di euro). In Italia, la divisione residenziale in franchising ha raggiunto una crescita del 24%, passando dagli 8,7 milioni di euro in ricavi netti da commissioni della prima metà del 2017 ai 10,8 milioni di euro nel primo semestre 2018. La crescita generale dei ricavi, per l’Italia, incluse le altre divisioni aziendali presenti sul territorio, è pari al 10%.