NAU!, il franchising e gli occhiali “eroi”

NAU!, il franchising e gli occhiali “eroi”

Che cosa c’è dentro un prodotto? Ci possono essere la creatività, la maestria, l’ingegno. Il lavoro di tante persone, certamente. Ma dentro un prodotto c’è anche la filosofia di un’azienda, la sua visione del mondo, i suoi obiettivi e, perché no, le sue aspettative. La storia di NAU! e del suo franchising è quella del suo prodotto, occhiali venduti solo ed esclusivamente nei suoi punti vendita, colorati, gioiosi, allegri. E soprattutto unici.

Colori e passione

Dove nascono gli occhiali NAU!? Nascono in Italia, nella sede di Castiglione Olona, in provincia di Varese, dalle menti di un team di designer giovane e dinamico. “Io amo dire che i nostri occhiali vengono sognati in Italia” ci dice Monica Salvestrin (nella foto), direttore prodotto e marketing di NAU! e moglie del fondatore e presidente Fabrizio Brogi. E quando il sogno diventa realtà assume le forme uniche di un occhiale NAU! “Uniche non è un modo di dire – ancora Salvestrin –. Non lavoriamo in serie, non ci interessa produrre grosse quantità dello stesso modello. I nostri occhialai sono prodotti in Edizione Limitata, come unici sono i nostri Clienti.

Innovazione, esclusività, unicità, rotazione

Eccoli i capisaldi di NAU! Nuove collezioni ogni 2 settimane in Edizione Limitata, l ’esclusività delle collezioni distribuite solo nei negozi NAU!, portano ad un’elevata rotazione del nostro prodotto “Questo permette di magazzino sempre molto leggero, senza la necessità di avere uno stock elevato con conseguente capitale immobilizzato ma al contempo fresco, colorato ed accattivante per il Cliente”. In questo quadro assume un ruolo primario la formazione del personale di vendita. “I nostri ragazzi – racconta Salvestrin – sono continuamente aggiornati sul prodotto perché devono saperlo raccontare e trasmetterne i valori e la qualità”. Già, ma cos’è la qualità? “Qualità significa scelta delle materie prime, significa controlli accurati a ogni step di lavorazione e commercializzazione. Significa, anche, garantire occhiali dalla perfetta ergonomia, perché non basta che siano belli per chi li indossa tutto il giorno. Devono essere anche comodi. Per questo vengono svolti test di vestibilità per ogni singolo modello. Il risultato: occhiale belli da vedere e comodi da indossare.

“I nostri eroi”

Salvestrin li definisce “i nostri eroi”. Perché gli occhiali NAU! c ombattono e vincono ogni giorno la “guerra” del mercato, conquistando i favori del pubblico. “Utilizziamo solo le migliori materie prime per la produzione dei nostri occhiali e i nostri fornitori di lenti sono tra i leader mondiali del settore. E l’intera filiera produttiva è sottoposta a severi controlli qualitativi. Una garanzia per i nostri Clienti”. E poi ci sono i colori, dietro i quali c’è uno studio e un lavoro ben definito. “Sviluppiamo internamente le nostre collezioni colore talvolta fatte da colori esclusivi. E non abbiamo timore di dire anche inaspettati per un occhiale. I colori trasmettono l’energia creativa del nostro brand. Sempre.” Il franchising Oggi NAU! conta su una rete di 76 punti vendita diretti, 40 affiliati in Italia a cui si aggiungono 6 negozi all’estero. L’investimento iniziale per aprire uno store a marchio è di 100mila euro con un fatturato medio annuo fra i 5mila e i 10mila euro al metro quadrato, in rapporto all’ubicazione del punto vendita e al bacino di utenza che deve essere di minimo 70mila abitanti.